In Gratitude: Jacopo and Esther Ghitis z'l
 
Milan, Italy – Tel Aviv                Versione italiana italy flag.jpg
Two lifes for Israel
 
It seems to us that no better timing than Hanukkah, the "festival of lights", can be found to evoke the memory of a wonderful couple of Jewish and Zionist leaders, activists and generous donors, who spread so much light all over Israel for over decades.
Jacopo and Esther Ghiti_posts.jpg
Jacopo Ghitis - Jasha to family and friends - was born on 1 May 1909 into a Zionist family in Usita Veche, Ukraine. He and his older sister received a traditional Jewish education. The turbulent years of the Russian Revolution started when he was eight, and only after great hardship and duress, including imprisonment, was his family able to escape to Jasi, Rumania.

Jacopo attended high school in Cernovitz, where he became involved in Jewish and Zionist activities.  When he met Ze’ev Jabotinsky during the latter’s visit to Cernovitz, Jacopo’s life changed; the Revisionist leader’s philosophy had a lifelong influence on him. He became chairman of the Jewish Students Organization and was active in the Betar and Maccabi movements. At the age of 17, he was arrested, together with other Jewish students, because of Zionist speeches they made in the city’s public square.
ghitis pic1.jpg
Jacopo Ghitis with Golda Meir.

After attending Rumanian officers school, Jacopo studied at the Universities of Prague and Moulhouse, and, in 1932, received a degree in Textile Engineering. He went to work in his father's textile company in Jasi and expanded the business significantly.

He was apprehended by the Fascist Rumanian government for his Zionist activities and was incarcerated at the Targu Jiu concentration camp for political prisoners. He managed to escape and by changing his living quarters nearly daily, avoided re-arrest.  In June 1941, a pogrom broke out in Jasi and Jacopo lost his father and many friends.

In 1943 (probably), Jacopo, his mother, aunt and uncle made their way by boat to Palestine, then under the British Mandate. There, together with friends, he set up two textile mills.
ghitis pic6.jpg
Esther Ghitis z"l in front of the Luigi Einaudi Culture Center she created at the Goldstein Youth Village, Jerusalem.

Esther was born in 1923 in Satu Mare, Rumania to a family that was originally from Hungary. She had two younger sisters. The family moved to Bucharest, where Esther attended the French Lycée. Her father, who had developed a successful business, predicted that tough times lay ahead for the Jews; the family immigrated to Palestine in 1940, leaving most of their possessions behind and starting anew. Esther enlisted in the British army.

In 1946 she met Jacopo - and it was love at first sight!  In November of that year, they got married. The economic situation in Palestine was difficult and Jacopo’s textile mills were destroyed at the very beginning of the 1948 riots. Jacopo and Esther decided to move to Milan, Italy where Jacopo started a new business, one that eventually made him the most important importer of wool from Australia and New Zealand. The couple had two children, William and Liliana.
ghitis pic4.jpg
Jacopo Ghitis with then Israel President Zalman Shazar.

Israel was always at the centre of Jacopo and Esther’s lives. Jacopo became involved in the Milano Jewish community and served on the community council.  He then became active in Keren Hayesod and in 1965, was elected chairman of the Italy campaign.  He performed his work with all his heart, always placing Israel and Keren Hayesod above his personal life. During the emergencies of the Six Day War (1967) and the Yom Kippur War (1973), he redoubled his efforts, with incredible results. Together with Esther, he fully mobilized on behalf of the beleaguered country they loved. They organised, conducted and led an unprecedented fundraising campaign for Israel. They were both soldiers in this operation, as well as its leaders. The results spoke for themselves. Despite its relatively small number of Jews, Italy was among the countries that raised the highest amounts of money for Israel. 

In 1979, Jacopo and Esther made aliyah and settled in Tel Aviv. Jacopo was elected a member of the Jewish Agency Board of Governors. He supported Project Renewal from the very beginning. One of his last public functions was laying the cornerstone for Keren Hayesod Italy’s project in Sderot in 1982. The gym was named after him in 1985, one year after he passed away.
ghitis pic7.jpg
Esther Ghitis z"l unveils the plaque at the garden named after her and Jacopo z"l at the Goldstein Youth Village, Jerusalem.

Esther was a great friend and supporter of the Dr. Israel Goldstein Youth Village in Jerusalem for many years. In the late 1960s and early 1970s, she single-handedly raised the funds to build the Luigi Einaudi Culture Centre. In recent years, she collected even more money for its renovation. She worked unremittingly on behalf of the Village and never tired of seeking new ways to raise both awareness and funds. She sponsored concerts and seminars in Milan and in Tel Aviv to benefit the Village. She reached out to her many contacts, Jewish and non-Jewish, and convinced many of them to contribute generously to “her” cause. Esther’s love and devotion to Israel and the Village knew no bounds. After Jacopo’s death, the Village dedicated a garden on the campus in honor of him and Esther.

Esther and Jacopo were a wonderful couple. They were very close to each other and shared overriding idealism, fiery energy, and intense fervor that helped them overcome the obstacles to achieving their goals. Israel was always in their thoughts – first as a dream before the state was founded, and later, as a reality that had to be developed and supported daily. They believed in the power of love and could not imagine hatred, despite the fact that life had often been cruel to them. They never lost their courage or their faith and looked to the future with great optimism.  

Esther passed away in June 2016.  After a life of hard work and love, she now rests next to Jacopo, at peace in the warm embrace of the land to which they dedicated their lives and that they loved so much. 

 
 
 
 
 
Jacopo ed Esther Ghitis z'l

Milano, Italia –  Tel Aviv
Due vite per Israele


Sembra non ci sia occasione migliore di Hannukah, la “festa delle luci”, per ricordare una meravigliosa coppia di leader ebrei e sionisti, attivisti e generosi donatori, che hanno portato la luce in tutto Israele, per decenni.
Jacopo and Esther Ghiti_posts.jpg
Jacopo Ghitis, Jasha per gli amici e i parenti, era nato il 1 maggio 1909 a Usita Veche, in Ucraina, da una famiglia profondamente sionista. Jacopo e la sorella maggiore ricevettero un’educazione ebraica tradizionale, ma a otto anni Jasha dovette affrontare con la sua famiglia il periodo turbolento della Rivoluzione Russa e solo dopo infinite difficoltà, una vita di stenti e perfino la prigione riuscirono a scappare a Jasi, in Romania.

Jasha frequentò la scuola a Cernovitz dove cominciò a interessarsi alla vita ebraica della comunità e a partecipare ad attività sioniste. Divenne presidente dell’organizzazione studentesca ebraica ed entrò nel movimento giovanile ‘Betar’ e nel Maccabi. La sua vita cambiò quando incontrò Zeev Jabotinsky a Cernovitz. Jasha rimase molto colpito dalla sua filosofia e ne subì l’influenza per tutta la vita. All’età di diciassette anni, fu arrestato insieme ad altri studenti ebrei a causa di discorsi con una decisa impronta sionista proclamati nella pubblica piazza.
ghitis pic1.jpg
Jacopo Ghitis con Golda Meir.

Dopo la maturità e il servizio militare presso la scuola ufficiali rumena, studiò all’università di Praga e di Mulhouse, laureandosi in ingegneria tessile nel 1932. Quindi, lavorò nell’azienda tessile di suo padre a Jasi, espandendo notevolmente l’attività.

Anni dopo fu arrestato dal governo fascista rumeno per le sue attività sioniste e trasferito al campo di concentramento per prigionieri politici di Targu Jiu. Riuscì a fuggire spostandosi di alloggio in alloggio quasi ogni giorno e non fu più ripreso. Durante la sua permanenza nel campo di concentramento, gli Ebrei di Jasi dovettero subire l’orrore di un Pogrom, nel giugno 1941, nel quale Jacopo perse suo padre e molti amici.

Nel 1943 (presumibilmente), Jacopo, con la madre e gli zii, si è imbarcato verso quella che era allora la Palestina sotto il Mandato Britannico. Lì, insieme ad amici, ha fondato due fabbriche tessili.
ghitis pic6.jpg
Esther Ghitis z"l di fronte al Centro Culturale Luigi Einaudi da lei stessa fondato presso il villaggio Goldstein della Gioventù Sionista, a Gerusalemme.

Esther nacque a Satu Mare, in Romania, nel 1923 in una famiglia ungherese. Aveva due sorelle minori. La famiglia si trasferì presto a Bucarest, dove Ester frequentò il liceo francese mentre suo padre sviluppava un business di successo. Aveva però previsto che ci sarebbero stati tempi duri per gli Ebrei, quindi emigrò in Palestina nel 1940. Ma la famiglia fu costretta a lasciare quasi tutti i propri averi in Romania e a ripartire da zero. Ester decise di arruolarsi nell’esercito inglese in Palestina, allora sotto il mandato britannico.

Nel 1946 incontrò Jacopo e fu amore a prima vista. Si sposarono nel novembre dello stesso anno.

La situazione economica in Palestina era difficile e i due stabilimenti tessili che Jacopo aveva aperto insieme ad amici furono distrutti nei primissimi giorni dei tumulti del 1948. Così Jacopo ed Esther partirono per l’Italia, dove Jasha impiantò una nuova attività che lo trasformò nel maggiore importatore di lana dall’Australia e dalla Nuova Zelanda. 
ghitis pic4.jpg
Jacopo Ghitis con l’allora Presidente di Israele Zalman Shazar.

Ebbero due figli, William e Liliana, che crebbero a Milano, ma per Jacopo ed Esther Israele rimaneva sempre il centro del loro mondo. Jasha cominciò a interessarsi alla vita della comunità ebraica di Milano e alle sue attività. Diventò consigliere della comunità e poi iniziò a occuparsi anche del Keren Hayesod. Fu eletto Presidente per l’Italia nel 1965. Lavorò con grande passione, anteponendo sempre Israele e il Keren Hayesod ai propri interessi privati. Nei periodi di emergenza delle guerre del 1967 e 1973 si dedicò al KH con tale dedizione che ottenne risultati straordinari. L’Italia fu, infatti, fra le nazioni che riuscirono a raccogliere le maggiori donazioni. Jacopo ed Esther si mobilitarono entrambi impegnandosi al di là delle proprie forze per il Paese del cuore minacciato. Organizzarono e guidarono un’iniziativa di volontariato finanziario a favore di Israele senza precedenti. In questa operazione erano entrambi soldati, ma anche leader.

Nel 1979 Jacopo ed Esther decisero che era giunto il momento di fare l’aliyah e partirono dall’Italia alla volta di Tel Aviv. Jacopo divenne membro del Board of Governors dell’Agenzia Ebraica. Sostenne fin dall’inizio il piano di riqualificazione del territorio (Project Renewal). Una delle sue ultime iniziative pubbliche fu la posa della prima pietra, nel 1982, di una palestra a Sderot, un progetto del Keren Hayesod. La palestra è stata intitolata a suo nome nel 1985, un anno dopo la sua morte.
ghitis pic7.jpg
Esther Ghitis z"l scopre la targa nel giardino intitolato a lei e a Jacopo z"l presso il villaggio Goldstein della Gioventù Sionista, a Gerusalemme.
 
Esther è stata una grande sostenitrice, per moltissimi anni, del Villaggio per giovani Israel Goldstein dell'Alyat HaNoar. Verso la fine degli anni ‘60, inizio degli anni ’70 del secolo scorso, raccolse da sola i fondi per la costruzione del centro culturale Einaudi. Più recentemente riuscì a raccogliere ancora più fondi per la sua ristrutturazione. Si dedicò con grande entusiasmo al sostegno del Villaggio e non si stancava mai di trovare nuovi modi per sensibilizzare i suoi interlocutori e raccogliere fondi. Sponsorizzò concerti e seminari sia a Milano che a Tel Aviv devolvendo i fondi raccolti al Villaggio. Contattava le sue numerose conoscenze, ebree e non, convincendo molte persone a contribuire generosamente alla ‘sua’ causa. L’amore e la dedizione di Esther per Israele e il Villaggio erano sconfinati. Dopo la morte di Jacopo, il Villaggio ha dedicato un giardino nel centro del campus a Esther e Jacopo.

Esther è deceduta a giugno 2016.

Esther e Jacopo erano molto uniti, una bellissima coppia, e una delle cose che li univa era il loro idealismo, più grande di qualsiasi altra cosa; avevano l’energia dei combattenti, un dinamismo straordinario che consentiva loro di superare  qualsiasi ostacolo pur di portare a termine i loro progetti. Israele era sempre nei loro pensieri, un sogno prima della fondazione dello Stato e in seguito una realtà che doveva essere sviluppata e sostenuta giorno dopo giorno. Credevano nell’amare ed essere amati, non concepivano l’odio, sebbene la vita li avesse spesso messi alla prova. Non perdevano mai la fede e il coraggio. Guardavano sempre al domani con grande ottimismo.

Hanno dedicato la loro vita a Israele, hanno combattuto per Israele e dopo una vita di impegno e amore straordinari, ora riposano entrambi nel ventre d’Israele, uno vicino all’altro, in pace.

Rendiamo omaggio alla loro memoria.